Biryani di agnello a modo mio

Presentazione

Ormai chi mi conosce e mi segue, sa che amo le spezie di tutto il mondo e che senza quelle, non riesco proprio a cucinare. E poi, sarà per gusto personale o per i miei viaggi in giro qua e là, io adoro la cucina etnica: sinceramente non ricordo di aver mai digiunato in una qualsiasi parte della terra! Tra tutte le cucine che ho avuto la fortuna di provare, quella pakistana è al momento al primo posto. Il riso Biryani, è un piatto tipico di India e Bangladesh, ma io in realtà l”ho mangiato per la prima volta in un posticino molto tradizionale in una zona molto alle porte di Pechino. Ero ospite di amici, una ventina ad una tavolata che nulla aveva da invidiare ai banchetti nuziali. Li è stato amore a prima vista con quel piatto immenso di Biryani di pollo.In questo piatto il riso basmati può essere cucinato in due modi, o per assorbimento, o con il metodo Pilaf. In questo caso, ho usato la prima tecnica. E, come al mio solito, ho apportato le mie modifiche perchè sono una scolara indisciplinata e curiosa, e devo sempre personalizzare i miei piatti! Poi mi farete sapere che ne pensate di questa versione.

Ingredienti
per 4 persone

  • 250 gr di riso basmati
  •  cucchiaino di pistilli di zafferano
  • 500gr di agnello
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero
  • 1/2 cucchiaino di cumino in polvere
  • 100gr di cavolfiore giallo
  • qb di olio di semi (per friggere le chips)
  • qb di noce moscata
  • 2 spicchi di aglio
  • 1/2  cucchiaino di curry
  • 180 gr di creme fraiche (oppure yogurt naturale)
  • 2 chiodi di garofano 
  • 1 stecca di cannella
  • 100gr  di topinambur
  • qb di piselli freschi (per decorare)
  • 1 cipolla grande
  • 2 cm di zenzero fresco
  • 2 cucchiai di ghee ( in alternativa burro fuso)
  • 2 semi di cardamomo
  • 100gr  di cavolfiore viola
  • qb  aceto (per lessare i cavolfiori)
  • qb  di sale

Preparazione

1. Sciogliete lo zafferano in un pò di acqua calda e mettete da parte.

2. Lavate il basmati e lasciatelo in ammollo per mezz’ora in acqua fredda.

3. Tagliate l’agnello a pezzetti piccolissimi, lasciandone qualche pezzo più grande per un impiattamento “scomposto”,e nel frattempo bollite il riso a fuoco lento per 15 minuti. 

4. Mettete in un mortaio aglio sbucciato, zenzero grattugiato, chiodi di garofano, pepe, cardamomo e cumino. 

5. Dorate la cipolla in padella nel ghee o burro, con la noce moscata e la stecca di cannella, aggiungete il mix di spezie e dopo un minuto fate rosolare bene la carne di agnello.

6. Ora la ricetta originale prevede che la carne cuocia con lo yogurt, ma io ho usato creme freiche perchè ho personalizzato la mia versione. Ho unito lo zafferano e il curry, facendo andare avanti la cottura per circa 40 minuti. 

7. Intanto scottate in acqua e aceto di mere (in uguali proporzioni) e un cucchiaio di zucchero e cavolfiori e i pisellini lasciandoli croccanti.

8. Affettate il topinambur e friggete delle chips sottili in olio di semi. 

9. Ultimate tutte le cotture, togliete una tazzina della salsa di cottura e mettetela in un dispenser. Unite il riso alla carne e formate una cupoletta. Distribuite intorno la salsa, i pezzi di agnello, le verdure croccanti e le chips.